PIA è uno spazio di ricerca e produzione per artisti visivi e curatori con sede a Lecce, nel quartiere San Pio. L’attività principale consiste nella formazione. PIA dà accesso a strumenti, informazioni, conoscenze tecniche e teoriche nelle discipline della progettazione artistica contemporanea. Favorisce le occasioni di incontro tra studenti e professionisti del settore, incoraggiando la mobilità degli artisti e dei curatori dell’area del Mediterraneo all’interno di un network dal respiro internazionale.In parallelo al percorso della scuola, PIA sviluppa anche un programma pubblico per creare un dialogo con pubblici e contesti differenti. Il progetto è stato fondato da Jonatah Manno ↓ e Valeria Raho ↓. Il suo team è formato da Raffaella Quaranta ↓, Marianna De Marzi ↓, Maria Stradoni ↓, Pierluigi Calignano ↓, Andrea Fiore ↓, Ivan Romano ↓, Flavia Tritto ↓. Hanno collaborato anche Marco Vitale, Marco Musarò e Nina Viviana Cangialosi.

PIA is a place of research and production for visual artists and curators based the San Pio area of Lecce. Our advanced course in contemporary visual arts offers the tools, skills and knowledge about contemporary art. The educational program facilitates interaction between students and international art professionals fostering the mobility of artists and curators of the Mediterranean area.PIA organises screenings, lectures and temporary performances to create a dialogue with diverse media and audience. The project was founded by Jonatah Manno ↓ and Valeria Raho ↓. PIA staff includes: Raffaella Quaranta ↓, Marianna De Marzi ↓, Maria Stradoni ↓, Pierluigi Calignano ↓, Andrea Fiore ↓, Ivan Romano ↓, Flavia Tritto ↓. Former supporters also Marco Vitale, Marco Musarò and Nina Viviana Cangialosi.

Co-fondatori

Dopo la laurea all’accademia di Brera, nel 2006 frequenta il Corso avanzato di arti visive della Fondazione Antonio Ratti a Como. Due anni più tardi supera la selezione per la prestigiosa Skowhegan School of Painting and Sculpture negli Stati Uniti, a cui segue l’anno successivo il programma di residenza presso Yaddo Foundation for writers and artists. Il suo lavoro è stato recensito e pubblicato su Flash Art, Mister Motley, Arte e critica, Cura Magazine. Co-fondatore di PIA, si occupa della direzione artistica del corso e dello sviluppo dei lavori degli studenti.
_

www.jonatahmanno.it

Valeria Raho è storica dell’arte, curatrice indipendente e giornalista culturale. La sua ricerca unisce l’interesse per la cultura visiva e la scena artistica contemporanea alla didattica e alle pratiche site specific. Dal 2017 fonda PIA insieme a Jonatah Manno. Nel 2017 è tra i co-fondatori di toc-centre, piattaforma internazionale dedicata alle time-based arts e alle immagini in movimento. Ha sviluppato e curato programmi di residenza e formazione, rassegne video e mostre in spazi pubblici e privati. Lavora al fianco di istituzioni, organizzazioni indipendenti e film festival. Co-fondatrice di PIA, si occupa della direzione scientifica del corso di alta formazione, del networking con enti e istituzioni e della curatela del programma pubblico.

Team

Dopo la laurea in Economia e Management per arte, cultura e comunicazione conseguita alla Bocconi di Milano, si trasferisce a Parigi per approfondire le sue conoscenze nel campo delle pratiche curatoriali. Qui entra a far parte del collettivo marcel, grazie al quale sperimenta nuovi approcci e prospettive per la scena artistica emergente. Dopo aver assistito Nicolas Bourriaud nella mostra “THREADS: Fantasmagoria about distance” durante la X Biennale di Kaunas in Lituania e collaborato con la fotografa, regista e curatrice Françoise Huguier, rientra in Italia per frequentare a Venezia School for curatorial studies. Attualmente la sua ricerca indaga la produzione contemporanea nelle regioni decentralizzate e la società liquida e le sue perpetue mutazioni.
Si forma presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Collabora con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo per la realizzazione dell’opera Salviamo La Luna di Jochen Gertz. Nel 2009 si trasferisce a Bruxelles dove frequenta la Hogeschool Sint Lukas. Come artista visiva partecipa a mostre collettive e personali, a Berlino, Londra e in Belgio. Qui si specializza in fotografia di interni e di opere d’arte. Per PIA si occupa della documentazione fotografica e video e della documentazione dei lavori e dei portfoli di studenti e curatori.
Laureata in Gestione Aziendale e specializzata in Economia Cultura e del Territorio presso l’Università di Torino, si è poi avvicinata al mondo della comunicazione e del marketing digitale. Progettista culturale, ha collaborato in Piemonte con diverse realtà tra cui Officina della Scrittura, la Manifattura Aurora Penne e Associazione Keninchenhaus. Oggi collabora con AIL – Arti in Libertà di Bari, nella creazione di progetti di arte contemporanea capaci di generare positivi impatti economici e sociali sui territori. Per PIA si occupa di individuazione di partner e sponsorship, strategie di fundraising e comunicazione.

Dopo gli studi presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, frequenta nel 1995 il Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Ratti di Como con Visiting Professor Joseph Kosuth. Dal 2007 al 2016 vive e lavora tra l’Italia e gli USA, dove prende parte a programmi quali ISCP, I-Park Residency Program; Art Omi International Artist’s Residency e, nel 2016, realizza un’opera pubblica permanente al Parkside Community Complex PISIS 437K di Brooklyn, New York. Ha esposto in personali e collettive in spazi quali Palazzo Lucarini Contemporary, Trevi; O’, Milano; MAGA, Gallarate; Centre Culturel Français di Milano; Galleria Antonio Colombo A.C. Milano; Groninger Museum, Groningen (NL); Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano; Palazzo della Triennale, Milano; Röda Sten Museum, Göteborg (IE); Tirana Biannale, Tirana (AL), Viafarini, Milano, Assab One, Milano. Il suo lavoro è stato recensito su Artforum, Flash Art, Exibart, Arte e Critica, Tema Celeste. Insegna Pittura all’Accademia di Belle Arti di Carrara.

È dottore di ricerca in storia dell’arte e cultore della materia presso l’Università del Salento. Collabora con istituzioni pubbliche ed enti privati come esperto per la curatela, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale. Ispettore onorario per il Ministero dei Beni e le Attività Culturali, ha preso parte a convegni, mostre e pubblicazioni specialistiche sulla storia dell’arte, storia del collezionismo e dispersione del patrimonio artistico. È stato curatore indipendente e corrispondente per riviste di arte e cultura contemporanea come Segno e Alfabeta2. Attualmente postdoctoral research fellow per la Fondazione Ermitage Italia e storico dell’arte per la sezione Valorizzazione territoriale della Regione Puglia.

Tutor

Nel 2020 si laurea all‘Accademia di Belle Arti di Lecce, indirizzo Scultura. Completa la sua formazione accademica frequentando dal 2019 PIA e vincendo nel 2020 una borsa di studio. Come artista partecipa alla Palermo Summer School of Contemporary Art e alla mostra ‘A small messy turbulence’, nel Castello Carlo V di Lecce, coordinata da Caterina Riva. È stato assistente dell’artista newyorkese Baseera Khan, per la realizzazione del workshop sul body casting, e di Pierluigi Calignano. Da PIA riveste il ruolo di tutor per attività laboratoriali e consulente degli aspetti tecnici del lavoro degli artisti.

È un’artista multidisciplinare. Il suo lavoro spazia dal video all’arte partecipata, dall’installazione alla performance, per indagare temi dell’individualità, (inter)soggettività e (auto)percezione. Dopo una laurea in scienze politiche e in diritto internazionale, avvia la sua ricerca artistica con il Master in Fine Art della Central Saint Martins di Londra, terminato nel 2019. Da allora partecipa a mostre e residenze internazionali, che l’hanno portata in istituzioni come Tate Modern di Londra (Tate Exchange, 2018 e 2019) e il Centre de la Gravure de La Louvriere (Belgio, 2018). Tra le residenze “The European Academy of Participation” del Goethe Institut a La Friche Belle De Mai, (Marsiglia, Francia, 2018) e “Trainings for the not-yet” presso il Banff Centre for Arts & Creativity (Canada, 2019). È attiva anche nel campo della ricerca sulla dimensione politica e critica dell’arte ed è recentemente stata borsista del corso “Art as Politics” del BAK, basis voor actuele kunst (Paesi Bassi, 2020). Da questa sua ricerca conseguono l’organizzazione e la curatela di residenze ed eventi legati all’arte contemporanea. Da PIA riveste il ruolo di tutor per gli aspetti curatoriali del lavoro degli artisti. 

https://flaviatritto.com